L'appagamento e l'energia che cerchi

Categoria: amore

LA VERA FORZA

È in atto una trasformazione epocale e abbiamo bisogno di recuperare e riunire tutte le nostre forze per cavalcarla con infinito e gioioso amore… Quell’amore che è forza derivante dal nostro essere il Sole, tutt’ uno con il Sole

E’ tempo di smettere di vedere l’altro come altro da te o peggio, come rivale, antagonista avversario

Ci viene chiesto di comprendere e interiorizzare fino in fondo l’unità di tutta la creazione: siamo tutti uno.

La vibrazione che emetti influisce su tutto…

Quindi è il momento di riconoscersi nel sole, la nostra vera natura e scegliere di amare non più soltanto a parole ma bensì con le proprie opere: l’aiuto vero, la divulgazione, la presenza e il comunicare finalmente da cuore a cuore, da essenza ad essenza.

 

«Non c’è dolore
che l’amore non possa guarire,
non c’è passato
che l’amore non possa perdonare,
non c’è futuro
che l’amore non possa trasformare.
Riempi il tuo dolore
con pensieri d’amore
e bacialo con gentilezza.
Poi, riversa il tuo amore ovunque,
perché così facendo,
guarendo gli altri, guarirai te stesso.»
dal libro: https://amzn.to/3xx9Oaq
(𝒹𝒶𝓁 𝓁𝒾𝒷𝓇ℴ_ 𝘐𝘭 𝘷𝘪𝘭𝘭𝘢𝘨𝘨𝘪𝘰 𝘥𝘦𝘪 𝘮𝘰𝘯𝘢𝘤𝘪 𝘴𝘦𝘯𝘻𝘢 𝘵𝘦𝘮𝘱𝘰)

 

Date – e vi sarà dato, amate e sarete amati

Quando date, ricevete. È una legge: nell’universo non può esserci il vuoto, e non appena si forma un vuoto da qualche parte, immediatamente quel vuoto si riempie. Quando avete vuotato i vostri serbatoi interiori dando il vostro amore e i vostri buoni pensieri a tutte le creature, dall’alto arriva immediatamente qualcosa per riempirvi. Amate e sarete amati. Date e riceverete. Date anche ciò che vi manca, e l’otterrete. Voi desiderate essere illuminati e non sapete come attirare la luce. Ebbene, è molto semplice: sarete illuminati se voi stessi illuminerete chi lo è meno di voi, poiché un altro che possiede più luce di voi verrà a darvi un po’ della sua chiarezza. Gesù ha detto: «Non fate agli altri ciò che non vorreste fosse fatto a voi», e in queste sue parole è anche sottinteso che dobbiamo fare agli altri ciò che vorremmo fosse fatto a noi. Aiutando gli altri, attiriamo a noi un essere che ci aiuterà. Allora, fate degli sforzi per sostenere qualcuno e per incoraggiarlo, e constaterete che una potenza superiore verrà a rafforzarvi. Se avete bisogno di amore e di luce, cercate prima di darne a coloro che ne hanno ancora più bisogno di voi, e sarà Dio stesso che verrà ad amarvi e a illuminarvi.

 

#Omraam Mikhaël #Aïvanhov

vai alla meditazione La Vera Forza https://www.spreaker.com/show/armonia-vitale

 

RIVELAZIONE

In questo periodo di RIVELAZIONE che stiamo attraversando, la verità su tante cose, su quello che abbiamo vissuto fino ad ora, sta venendo fuori dentro e intorno a noi.

E’ il discorso di Aprire gli Occhi, il motivo per cui è nato il podcast Armonia vitale.

Il che vuol dire aprire gli Occhi sull’Ordine dell’universo, su quelle che sono le leggi universali che sostengono la vita ovunque.

Non si può andare contro a queste leggi in nessun modo.

Siamo vivamente esortati ad Aprire gli Occhi sulla immensa manipolazione che l’umanità ha subito da millenni, aprirsi a queste informazioni, disponibili ormai da anni e sempre più evidenti.

Ad Aprire gli Occhi sulle leggi che sottendono la vita universale, e su quello che siamo noi quindi come esseri di luce incarnati in forma umana attraverso un’anima che informa il corpo fisico.

Siamo esseri solari, il sole è il governatore della genetica umana, siamo sostenuti dagli esseri solari e a questa luce dobbiamo ritornare.

Siamo fortissimamente chiamati a tornare all’unità di coscienza con la fonte creatrice e col suo riflesso, il sole interiore che abbiamo dentro, la nostra origine spirituale.

Siamo eterni, infiniti, in origine, pura saggezza che si adombra nelle varie incarnazioni ma questa pura saggezza che è amore creatore, che ha dato origine alla vita in qualsiasi forma, è dentro di noi.

E a questa siamo chiamati a riunirci per andare oltre a questo inevitabile momento di crollo di una vecchia dimensione al fine di farne sorgere una nuova, libera da condizionamenti e finalmente consona alla vita.

Accogliamo questo nuovo giorno solare che, silenziosamente, si sta facendo strada ovunque nel pianeta, come un nostro bambino interiore, intessuto di pura forza vitale, sole, Amore invincibile perché è tutt’uno con la sorgente della vita.

Questo ritorno all’unità di coscienza con la nostra essenza solare, divina, è un passaggio basilare perché è solo attraverso questo che possiamo essere coscienti di essere tutt’uno con l’essenza della vita, la sorgente solare cristica.

Per fare questo è fondamentale accorgersi delle programmazioni e credenze in noi inculcate subdolamente a livello inconscio, che ci hanno fatti sentire separati dalla vita, limitati, indegni, preda del dubbio e della paura e lavorare interiormente per lasciarle definitivamente andare.

Siamo nella RIVELAZIONE, è il rush finale in cui queste forze anti-evolutive si agitano, ancora per poco, attivamente. Ma bisogna scegliere e radicarsi nella forza indistruttibile del sole interiore che sostiene e da la vita ovunque.

Queste forze possono seminare zizzania e separazione nelle famiglie, nelle amicizie, in ogni situazione, ma, sapendolo e conoscendone l’origine e la natura, possiamo scegliere di stare fuori da questo gioco oscuro che rema contro l’evoluzione umana.

Lavoriamo dentro noi stessi per superare questa parte egoica, giudicante l’altro, che ci separa o inculca in noi l’esigenza di separarci dall’altro.

Focalizziamo su queste cose che subdolamente, risucchiano la vita, sbarriamo loro la porta riunendoci alle frequenze degli esseri di luce che, da sempre sostengono la terra e sono sempre più manifesti.

Chiediamo il loro sostegno e di interiorizzare la loro frequenza radicandoci là dove già intrinsecamente ci abitano: nel sole del cuore.

L’energia dell’Acqua, i reni, il coraggio, le relazioni, le emozioni

Nel ciclo della trasformazione dell’energia, dove tutto è costante cambiamento che si esprime attraverso uno schema di espansione e contrazione, yin e yang, a questo periodo dell’anno corrisponde l’energia dell’Acqua, rappresentata, nel corpo umano, dai Reni.

Ogni forma di vita nasce dall’acqua che simboleggia un momento di gestazione, di creazione potente ma ancora in una fase di interiorizzazione.

I reni rappresentano la tua identità o meglio la forza che ti identifica; la forza dell’acqua che nutre, sostiene e pervade ogni cosa.

La grande Medium che trasmette i suoi segnali, la sua qualità energetica a tutto il corpo, alle emozioni, alla mente.

Certamente, l’identità di ognuno è un insieme di vari aspetti: genetici, sociali, animici.

In questa fase di trasformazione epocale che tutti stiamo attraversando è indispensabile riattivare la parte più profonda di noi, quella animica, spirituale, quella che Swami Kriyananda definiva Supercoscienza, perché è quella che ci permette di affrontare qualsiasi situazione, cavalcando la vita, sicuri di quello che siamo.

E’ di vitale importanza risvegliarsi alla propria identità spirituale perché quella mentale/materiale non ci rappresenta davvero fino in fondo. E’ troppo parziale, influenzata, condizionata da quello che ci circonda in ogni momento.

O meglio, della nostra identità “materiale, esteriore” fa parte l’ambiente in cui viviamo, la famiglia in cui siamo nati, l’ambiente sociale, lavorativo in cui interagiamo.

Ma accorgiamoci che queste sono tutte immagini (maschere?) che la realtà ci riflette di noi e ci ritornano addosso come costumi di una rappresentazione teatrale che può darci forza ma può anche creare tutta una serie di illusioni e dipendenze da tutto questo.

E’ tempo di andare al sodo e interrogarci su chi siamo davvero … “essere nel mondo ma non del mondo” suggerisce l’antica Saggezza…

I nostri reni ci parlano di chi siamo davvero e hanno bisogno che noi lo sappiamo per essere forti e svolgere il loro compito di inesauribili batterie del corpo.

Non possiamo sentirci forti perché apparteniamo ad una sfera sociale, ad un mondo ad una modalità di essere laddove la vita è costante cambiamento.

Se lasciamo che tutto dentro di noi sia condizionato dall’ambiente in cui viviamo, a partire dagli odori, i gusti, i profumi che ci fanno sentire “a casa”, in assenza di questo, a volte, rischiamo di sentirci senza radici.

Quando invece in realtà abbiamo un’identità universale immensamente più forte, potente di tutto questo ed è quella a cui è importante riunirsi se realmente vogliamo costruire una nuova vita senza sentirci “violentati” dai cambiamenti.

Spesso quando si è costretti a cambiare ci si sente come in uno tsunami che si subisce interiormente quasi come un’aggressione a tutti i livelli dell’essere.

Ma se invece siamo in grado di aderire realmente a quello che siamo dentro come essenze eterne, ci accorgiamo di avere risorse inesauribili e inespugnabili.

E’ necessario distinguere questa forza eterna e inesauribile che è la nostra vera natura, da quello che è invece identificazione quotidiana terrena, in questo momento e in questa vita.

Se ci concediamo di uscire dalla matrix e torniamo ad identificarci con la nostra essenza spirituale, eterna e inesauribile, come tutte le grandi tradizioni spirituali ci hanno sempre insegnato, siamo nella forza e sostenuti dalla forza vitale che da vita a tutte le cose.

E i nostri reni ci chiedono di farlo: sono la sede attiva della forza vitale, quella forza tipica dell’acqua appunto che è trainante, creatrice e motrice della vita.

Ci chiedono di comprendere che la vera vita non sta nell’accettare la manipolazione energetica a tutti i livelli ma nell’aderire ciascuno al proprio flusso vitale, alla propria forza caratteristica e creatività.

I reni rappresentano il coraggio e la capacità di far fronte ad ogni evenienza, ai pericoli reali o immaginari (rene sinistro) e una delle loro funzioni è quella di eliminare ciò che potrebbe essere tossico per l’organismo, filtrando continuamente il sangue.

Quando si ha timore di essere aggrediti, ingannati, defraudati, facilmente si apre la porta della malattia.

E’ bene quindi interrogarsi sull’ origine delle proprie paure per trasformarle in forza ed aprirsi all’ascolto della propria vera identità.

Le paure sono proiezioni che noi abbiamo verso il futuro, sono la nostra zona d’ombra ma sappiamo che dietro l’ombra c’è la nostra forza, il nostro vero potere, il nostro potenziale.

La zona d’ombra è tutto quello che abbiamo vissuto in questa o altre vite e ancora mai affrontato per trasformarlo. Ma lo possiamo fare per ricongiungerci davvero alla Forza.

I reni senz’altro ci ricordano la storia della nostra incarnazione e il retaggio familiare che abbiamo scelto ma in realtà sappiamo che sono molto più di questo.

Sono le nostre risorse e un patrimonio che va molto oltre il controllo di una mente educata, ammaestrata e ipnotizzata

Potremmo dire quindi che la salute dei reni è sostenuta non solo da una dieta adeguata, di cui parleremo a breve, ma anche e soprattutto dalla scelta di identificarsi con una vita più vasta, quella pura vita che muove, produce e sostiene la vita ovunque e che è la tua vera natura, l’ Essenza vitale che tu sei.

I reni soffrono dello stress, del freddo, dell’inquinamento elettromagnetico e di quello dell’aria e dell’acqua, dell’eccesso di cibo e di bevande, delle sostanze chimiche, degli zuccheri e di uno stile di vita caratterizzato da poca attività e dallo stare troppo seduti.

Se i reni sono equilibrati e forti sperimentiamo una forza di volontà potente, un’energia sessuale creativa ed appagante, resistenza fisica, coraggio e capacità di organizzazione.

Essendo organi situati profondamente nel corpo, hanno un’energia piuttosto lenta nel cambiare la loro condizione ma un’alimentazione calibrata, a base di legumi, riso, orzo può essere estremamente utile.

Anche l’utilizzo di piccoli quantitativi di alghe è consigliato in quanto può ammorbidire la consistenza di eventuali calcoli e favorire l’eliminazione di sostanze tossiche pesanti e molecole radioattive.

 

IL SOLSTIZIO E IL CORAGGIO DI FARE AMORE

Il solstizio d’estate e il coraggio di FARE AMORE

Entriamo nell’energia del fuoco il cui organo rappresentativo è il cuore

l’organo Imperatore che coordina tutti gli altri nel corpo

Il coraggio di Amare ridona vita ai tuoi organi, ricarica i tuoi reni, dà fiato al tuo respiro, nutre il tuo pancreas, detossina il tuo fegato ed accende i tuoi organi riproduttivi, quelli che sanno creare la vita

Il tuo corpo è il tuo Universo materializzato ed esiste perché la tua anima lo ha progettato e di lei ti parla

Tutto ciò che ti serve è riconoscerlo

Ogni esperienza di ogni vita è impressa, come memoria cellulare, nel tuo corpo “animato” e si esprime attraverso i tuoi organi e chakra, pensieri, ed emozioni.

Ogni istante del tuo percorso evolutivo è registrato nelle cellule a livello biologico, emozionale e psichico

Soltanto riportando l’attenzione all’origine spirituale/animica del tuo sistema corporeo puoi ricreare l’Armonia Vitale potenziale originaria.

Lo Spirito si fa Anima per abitare un Corpo e dare il meglio di sé.

Lo Spirito universale, quello da cui proviene ogni cosa, il campo (chi, prana, akasha, energia orgonica, ora chiamato campo quantico) di illimitata Energia intelligente è Amore.

Quindi noi siamo immersi nell’Amore intelligente che dà vita a tutte le cose.

Ma per percepirlo dobbiamo essere in quella frequenza e, per farlo, dobbiamo compiere un viaggio interiore di conoscenza attraverso le innumerevoli vite vissute, che hanno lasciato le loro tracce qui, nel nostro sistema biopsicofisico, che è un eterno presente.

Il tuo corpo quindi è una manifestazione energetico/spirituale che nasce dall’Amore (Spirito creatore Universale) ama l’Amore, essere Amore e fare Amore.

Ama tutto quello che porta gioia perché la sua origine è Amore … e all’Amore deve ritornare

Quell’Amore che crea infiniti mondi perché è fare, manifestare, costruire Amore

Ed è fondamentale riportarlo e mantenerlo in questa amorosa armonia perché è soltanto quella che consente alle cellule di rivitalizzarsi, rientrando in possesso del loro potenziale energetico originario.

In questo solstizio d’estate celebra l’Amore per te, il tuo corpo, la tua vita, la tua famiglia dell’anima, la vita del pianeta ed oltre…

Canta una canzone d’Amore alle tue cellule, soltanto tua, personale, intima e profonda che risvegli il tuo contatto con il corpo dissolvendo le barriere della mente…

L’Amore non pensa… vive, danza e canta perché è pura Essenza creatrice che onora la vita

E quello che crea è talmente bello, unico, speciale da superare qualsiasi aspettativa razionale

Chiediti quanta Gioia e Amore sei in grado di vivere e, semplicemente, accetta di viverle senza limiti…

Fluisci … accogliendo il Sole dell’Amore in te ed espandilo ad ogni cosa creata … alle tue anime gemelle, complementari, alla tua fiamma gemella, ai tuoi animali, alle piante, ai Deva, a tutto il pianeta e al nuovo sole nascente

Senti il tuo sole interiore che sorge infinito e illumina le tue acque, le tue emozioni, nel tuo eterno presente

E lascia che tutto si sublimi, si elevi alla nuova frequenza dell‘Amore nascente

Le tue cellule vibrano vita nuova, frizzano, roteano, danzano, cantano e diventano puro Amore che fa Amore, puro potere creatore che avvolge ogni cosa e le dà nuova vita

L’ umano è l’essere che sa incarnare l’Amore ed è per questo che abbiamo scelto di essere qui

Perché il salto quantico è “fluire nell’Amore ed esserne lo stesso flusso”

Bypassare la mente, il controllo, il bisogno compulsivo di conoscenza, per Essere pura Essenza creatrice

Che FA AMORE

L’ANIMA DEL CIBO

Le cellule comunicano fra loro

così come puoi comunicare con le cellule e conoscerne la memoria, allo stesso modo quando mangi entri in contatto con l’energia del cibo, delle sue cellule e di tutto il suo ciclo vitale.

Quindi il cibo è condivisione, parte dell’anima del mondo e crea unione con tutte le creature.

Puoi dialogare con il cibo (naturale ovviamente), qualificarlo con l’energia che ritieni più consona e benedirlo, benedicendo tutta la vita che lo ha generato nel suo ciclo vitale.

Benedici la vita a partire dal seme fino al momento in cui mangi il frutto ed oltre e ringraziala:

Questo ti aiuterà a dare valore a te stesso e alla tua vita, a connetterti alle frequenze più alte dell’amore e a creare amore intorno a te.

Inviare amore crea amore.

L’amore, in fondo lo sappiamo tutti, è la frequenza creatrice più alta e ti connette con tutte le persone “in Amore” sulla terra.

È lo strumento costruttore più potente che abbiamo e allora usiamolo coscientemente mentre ci nutriamo: in pochi passi.

1° passo: disponi il cibo appena comprato (verdura, frutta, cereali.. l’importante è che non sia cibo alterato chimicamente o e raffinato) sul tuo tavolo da cucina ed esprimi l’intento di “resettarlo” da tutte le energie tossiche, contrarie o nocive alla tua essenza.  Questo passo è molto importante perché “sprogramma” il cibo da informazioni non tue.

2° passo: centrati nel cuore respirando e connettiti con la tua essenza creatrice nel campo di Amore e intelligenza infinita là dove sei cosciente di essere in unione con la vita stessa e da lì benedici il cibo e il suo ciclo vitale come corpo e anima dell’Unica Immensa Sacra vita che permea, fluisce e genera tutte le cose.

Lascia che il tuo sguardo interiore vada oltre il cibo sul tuo tavolo e osserva tutta la vita sul pianeta, gli animali le piante, le acque, le rocce… benedici tutta la Terra in un solo gesto interiore.

3° passo: ringrazia l’Anima Mundi con tutta la sua vita infinita e col tuo sguardo interiore avvolgila nell’Amore fino ad arrivare al cibo sul tuo tavolo esprimendo l’intento che possa dare il meglio di sé nel processo di assimilazione e che sia carico di energia vitale e nutrimento vero (volendo puoi ovviamente esprimere altri intenti più specifici )

4° passo:  rivolgiti al cibo dicendo : Aloha che lo spirito della vita e l’energia del divino Amore siano con te

 

In pochissimi minuti sarà cambiata sia la tua energia che quella del cibo e della tua cucina e non sai che bene potrà farti questo!!

Il mangiare (e preparare) in uno stato di armonia, amore e gratitudine alcalinizza il sangue quasi come il the Kukicha!!!

Powered by WordPress & Tema di Anders Norén